Contenuto principale

Messaggio di avviso

AGGIORNAMENTI IMU 2019

Si comunica che i modelli di pagamento F24 e le relative schede immobiliari saranno inviati nel mese di maggio p.v. 

L'Ufficio Tributi intende provvedere in via sperimentale a trasmettere tramite e-mail o PEC i conteggi IMU e TARI e relativi modelli F24 per il versamento.

Questo nuovo servizio consente la riservatezza della corrispondenza nonché maggior celerità nell'invio delle comunicazioni e minori spese di gestione.

Pertanto a tutti gli utenti di posta elettronica (PEC certificata o non certificata) la spedizione potrà avvenire con tale modalità.

Chiunque fosse interessato dovrà compilare apposito modello qui allegato e trasmetterlo all'indirizzo e-mail   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli altri contribuenti continueranno a ricevere l'avviso di pagamento IMU e TARI per posta ordinaria.

pdf  Avviso imu 2019

document  Comunicazione indirizzo mail per trasmissione tributi

Informazioni Generali sul Tributo

Il presupposto dell’imposta municipale propria è il possesso di immobili, esclusa, a decorrere dal 01/01/2014, l’abitazione principale e le pertinenze della stessa, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1 - A/8 e A/9.
Si considerano fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli ai sensi dell’art. 13, comma 2, del D.L. 6/12/2011, n. 201, quelli descritti dall’art. 2 del Decreto Legislativo n. 504/92.

Aliquote e Codici Tributo

Approvate con deliberazione di C.C. n. 3 del 26.03.2019

TIPOLOGIA IMMOBILE ALIQUOTA DETRAZIONI CODICE TRIBUTO COMUNE CODICE TRIBUTO STATO
Abitazione principale e relative pertinenze - SOLO per le  categorie catastali A/1, A/8 e A/9

4 ‰

€ 200,00 3912  
Aree fabbricabili 7,6 ‰   3916  
Altri fabbricati 7,6 ‰   3918  
Immobili iscritti in catasto con categoria D 9,5 ‰   

1,9 ‰

3930

7,6 ‰

3925

dall'anno 2016 al 2019:      

 

Immobile concesso dal soggetto passivo a parente 1° grado (genitore/figlio) che la utilizzano come abitazione princiaple
4,6 ‰  

3918

 

 

EQUIPARAZIONE ALL’ABITAZIONE PRINCIPALE

Ai sensi dell’art. 15 del Regolamento IUC, ai fini dell’applicazione dell’IMU, si considera direttamente adibita ad abitazione principale:

- l’unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituto di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che l’abitazione non risulti locata.

-  a partire dal 2015 è considerata direttamente adibita ad abitazione principale una ed una sola unità immobiliare possesuta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all'anagrafe degli italiani residenti all’estero (A.I.R.E.), già pensionati nei rispettivi paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto i Italia ed a condizione che non risulti locata o data in comodato d'uso;

Allo stesso regime delle abitazioni principali soggiace l’eventuale pertinenza.

Nel caso in cui ricorrano i presupposti per poter usufruire dell’equiparazione di cui sopra, compilare e recapitare all'Ufficio Tributi il seguente modulo:

document  Dichiarazione equiparazione abitazione principale

UNITA' IMMOBILIARE CONCESSA DAL SOGGETTO PASSIVO A PARENTI ENTRO IL PRIMO GRADO (genitore/figlio)

Con deliberazione del Consiglio Comunale n. 3 del 26.03.2019 è stata confermata, anche  per l'anno 2019, l'aliquota agevolata del 4,6 per mille per l'unità immobiliare concessa dal soggetto passivo a parente entro il 1° grado (genitore/figlio) che la utilizza come abitazione principale. L'aliquota agevolata si applica ad una sola unità immobiliare e per un solo figlio.
Nel caso in cui ricorra il presupposto per poter beneficiare dell'aliquota agevolata di cui sopra, compilare e recapitare all'Ufficio Tributi il seguente modulo:

  document  Dichiarazione aliquota agevolata per comodato

COMODATO USO GRATUITO (abrogazione assimilazione 1° casa)

La Legge di stabilità 2016 ha rivisto interamente la gestione dei comodati gratuiti; le impostazioni valide per gli anni precedenti sono state completamente eliminate (assimilazione all’abitazione principale concessa in comodato ai parenti in linea retta di primo grado) e viene introdotta una riduzione del 50% della base imponibile ai fini IMU e TASI.
I requisiti per poter usufruire di tale riduzione sono i seguenti:
- l’immobile deve essere un abitazione non di lusso (escluse quindi cat. A1-A8-A9);
- l’immobile deve essere adibito ad abitazione principale dai parenti in linea retta entro il primo grado (genitori/figli);
- il comodante, cioè chi concede, oltre all’immobile concesso (si intende ad uso abitativo e relative pertinenze) deve possedere nello stesso comune solo un altro immobile ovvero quello destinato ad abitazione principale e non deve possedere altri sull’intero territorio nazionale;
- il comodante deve risiedere anagraficamente nello stesso comune in cui è ubicato l’immobile concesso in comodato;
- è necessaria la stipula del contratto di comodato d’uso e la sua registrazione presso l’Agenzia delle Entrate entro 20 giorni dalla data di sottoscrizione. L’efficacia decorrerà dalla data di registrazione.

A partire dall'anno 2019 il beneficio di cui sopra si estende, in caso di morte del comodatario, al coniuge di quest'ultimo in presenza di figli minori.

Le scadenze

Versamento in 2 rate:

  • 16 giugno - versamento della I rata di acconto
  • 16 dicembre - versamento della II rata di saldo

Aree edificabili

pdf Tabella valore aree valida da novembre 2018 relativa alle zone di PGT (192 KB)

Fabbricati inagibili o inabitabili

Nel caso in cui ricorrano i presupposti ai fini della riduzione della base imponibile di cui all'art. 4, comma 5 let. b) del D.L. 16/2012 convertito con legge n. 44/2012 e dall'art.18 del Regolamento Comunale IUC - "Fabbricati inagibili o inabitabili" - compilare e recapitare all'Ufficio Tributi il seguente modulo:

document  Dichiarazione sostitutiva fabbricati inagibili

Dicharazione IMU

I soggetti passivi devono presentare la DICHIARAZIONE IMU entro il 31 dicembre dell'anno successivo (termine modificato dalla L. 58/2019 c.d. "Decreto Crescita") alla data in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione.

pdf Modulo Dichiarazione IMU (40 KB)

pdf Istruzioni per la compilazione del Modulo (203 KB)

Regolamento IMU

pdf  Regolamento IUC - Parte 2 – Disciplina dell’imposta municipale propria (IMU)

Modulistica

document  Richiesta rimborso TRIBUTI LOCALI


Ufficio Tributi: tel.: 0342.370221 (int. 6)
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.